[Tutorial] Come capire quali keyword ti stanno portando traffico da Google

Vuoi capire se Google ti sta portando traffico e con quali keyword? Scoprilo con Search Console e questo tutorial! Ti sei fatta il mazzo per ottimizzare i tuoi articoli a lato SEO, ma come fai a capire se il tuo lavoro è contato qualcosa? Servono tool costosi per verificare se le tue pagine sono ben posizionate?

Assolutamente no! Ti basta usare il tool gratuito Google Search Console. Ora ti spiego come usarlo.

1. Installa Google Search Console sul tuo sito

Google Search Console per funzionare deve essere installato sul tuo sito. Quindi se non lo hai mai installato, fallo subito seguendo questa guida.

Tieni presente che il tool inizierà a raccogliere dati nel momento in cui lo installerai, quindi non potrai vedere le statistiche dei periodi antecedenti.

Perciò se lo stai installando adesso, aspetta almeno 1 mese prima di mettere in pratica il resto di questo tutorial, così da dare tempo a Google Search Console di raccogliere dati.

2. Loggati su Google Search Console

Come prima cosa, devi accedere al tuo Google Search Console e selezionare il tuo sito, poi clicca sul menu Prestazioni a sinistra per aprire una pagina con un grafico sulla destra.

tutorial google search console prestazioni

3. Controlla le Prestazioni

Clicca sul box viola a destra (sopra al grafico di destra) che dice “Posizione Media”:

tutorial google search console posizione media

Sotto questi rettangoli colorati, vedrai un grafico con varie linee colorate:

  • la linea blu rappresenta i clic medi che riceve il tuo sito ogni giorno
  • la linea azzurra le impression medie (quante volte il tuo sito è apparso nei risultati di ricerca per quella keyword)
  • la linea viola la posizione media

grafico google search console

Sotto questo grafico, trovi l’elenco di tutte le keyword per cui sei posizionata.

Guarda le colonne a destra: Clic, Posizione, Impressioni. Puoi vedere quante Impressioni e quanti clic ha ricevuto il tuo sito da quella keyword.

Inoltre puoi vedere il posizionamento medio di ogni keyword:

keyword posizionamento

Per esempio, nell’immagine qui sopra vediamo che la prima delle keyword negli ultimi 3 mesi ha ricevuto 378 clic, 641 Impressioni e che è posizionata al primo posto della prima pagina di Google. La keyword successiva ha invece una posizione media di 1,6 (il che vuol dire che è spesso al primo posto, ma ogni tanto oscilla nella seconda posizione) ma che ha 2724 Impressioni e 351 Clic. E così via.

Già da questa schermata puoi ricavare molte informazioni utili, capendo per esempio quali sono le keyword che hanno più clic e quindi che ti stanno portando più visite. Così come dalla colonna Posizione puoi vedere quali sono le keyword che appaiono in prima pagina di Google (solitamente, quelle dal numero 1 a 10). Puoi anche ordinare le colonne cliccando sulle freccette a fianco di ogni voce, così da vedere le keyword ordinate magari per Posizione anziché per Clic. In questo modo puoi vedere a colpo d’occhio quali sono le parole chiave in prima pagina e quali no.

4. Trai le tue conclusioni

Ora che hai una visione d’insieme delle keyword per cui sei posizionata, cosa fare con questi dati? Provo ad aiutarti ad analizzarli proponendoti le 4 casistiche più comuni.

Keyword rilevanti con buona Posizione e parecchi Clic

Se vedi che la Posizione di buona parte delle keyword rilevanti è tra 1 e 3, e che tutte queste keyword hanno molti clic, vuol dire che stai facendo un lavoro fantastico, perché quelle parole chiave sono nei primi risultati di ricerca e ti stanno portando traffico. Ottimo!

Keyword rilevanti con Posizione scarsa

Se invece sono pochissime le keyword rilevanti con una Posizione sotto il 5, allora significa che devi ottimizzare un po’ meglio le pagine con quelle keyword, ma sei sulla strada giusta.

Keyword rilevanti con Posizione pessima e pochi Clic

Se ti trovi nel caso in cui la maggioranza delle tue keyword rilevanti è in una Posizione superiore al 10 e ti porta pochissimi clic, beh allora vuol dire che il lavoro SEO che hai fatto (o che hanno fatto per te) non è servito a granché, quindi va rifatto come si deve. Ma niente paura, lavorando come si deve in pochi mesi potrai recuperare moltissimo 🙂

Pochissime keyword rilevanti e tantissime keyword irrilevanti

Se infine noti che le keyword nell’elenco sono per lo più keyword non rilevanti per te e che il tuo target non usa, allora c’è un problema di fondo nella scelta delle keyword.

Ma quali sono le keyword rilevanti? Se sei una artigiana e hai scritto un articolo che mostra le tue collane di perle, e vedi che sei posizionata per keyword come “tutorial su come creare collane di perle”, questa keyword non è rilevante per te visto che tu vendi collane di perle, non insegni a farle. Una keyword rilevante per te sarà qualcosa tipo “collane di perle personalizzate” o magari “collane di perle fatte a mano”.

Se però trovi pochissime keyword di questo tipo e al loro posto tante keyword irrilevanti, allora dovresti chiederti: perché ci sono così tante keyword non rilevanti per me? Cosa ha fatto credere a Google che io fossi una persona che crea tutorial per creare collane anziché una che vende collane? Di solito la risposta a queste domande sta nella SEO che hai fatto: probabilmente hai ottimizzato i tuoi articoli con keyword sbagliate, o comunque hai parlato sul tuo blog di argomenti che non hanno nulla a che fare con ciò che cerca il tuo target.

In questo caso ciò che devi fare è semplice: rivedi i tuoi contenuti e il modo in cui scegli le keyword. Lo so, la SEO è complessa e più ci si addentra, più ci si rende conto che nasconde mille insidie.

Spero però che questo articolo ti abbia aiutata almeno un po’ a fare chiarezza, ma se non fosse così o avessi bisogno di ulteriori chiarimenti e approfondimenti, lasciami il tuo commento qua sotto. Sarò felice di rispondere alle tue domande 🙂

Elena Galli

Mi occupo di web da molti anni, ma la SEO è la mia vera vocazione! Mi piace entrare "nella testa" di Google e degli utenti per aiutare le piccole attività a trovare nuovi clienti.

Sito | Facebook | Instagram | LinkedIn

Lascia un commento