Come usare bene Facebook

Facebook continua a crescere, mettiamoci il cuore in pace. Cresce nonostante gli scandali, gli ostentati digital detox e tutti quelli che ne hanno decretato il de profundis. E allora forse e dico forse è il caso di approfittarne e di imparare a usarlo bene e in modo che produca benefici a noi e al nostro brand.

Facebook perchè?

Gratuito, è ancora usatissimo e trasversale. Nel post dedicato ai trend per il marketing online del 2019 avevo snocciolato un buon numero di motivi sotto forma di numeri. Scegli Facebook come canale preferenziale per la tua comunicazione se il tuo pubblico potenziale lo usa, Usi Facebook anche extra brand e ti piace farlo.

Scegli Facebook per:

  • Posizionare il tuo brand
  • Fidelizzare la tua community
  • (Vendere non è una conseguenza diretta)

Come usare bene Facebook: Pagine e Profilo

Profilo personale o Pagina ufficiale: le differenze sono abissali. E non mi riferisco solo alle caratteristiche ma anche all’uso.

Non è obbligatorio avere una Pagina ufficiale su Facebook ma è vantaggioso anche se non pensi di usarla, anche se odi Facebook. Una Pagina ha vantaggi oggettivi, in modo particolare se è associata a un Profilo Business di Instagram su cui utilizzi l’opzione Instagram Shopping. Quindi sì, una Pagina Facebook ti serve, anche se il tuo ‘business’ è su Instagram.

Crea una Pagina ufficiale, la userai solo a supporto del tuo Profilo Business su Instagram:

  • Completala con tutte le informazioni utili: orari di apertura, bio, link al sito web, info di contatto, servizi, offerte, prodotti
  • Aggiornarla solo con i post del blog, gli eventi a cui partecipi i corsi che organizzi senza preoccuparti di postare niente di più o di avere un calendario editoriale strutturato
  • Chiudi addirittura i messaggi privati (se pensi di non riuscire a stare dietro a tutto) ma indica un metodo di contatto alternativo che dovrai presidiare con regolarità
  • Controlla una volta al giorno se ci sono commenti o richieste.

Profilo personale

La prima scelta fondamentale è decidere come usarlo. Sì, parlo di strategia anche per il Profilo Facebook. Le strade sono essenzialmente due:

1. Profilo personale blindato

Se usi il tuo Profilo solo per restare in contatto con amici e familiari, abbi cura di settare la tua privacy in modo adeguato. Per esempio fai in modo che le richieste di amicizia ti arrivino solo da amici di amici, blinda aggiornamenti e contenuti. Non usare la stessa immagine di profilo della Pagina, anche se il tuo brand ha il tuo nome e cognome.

2. Profilo personale brandizzato

Usa il tuo Profilo a supporto della tua Pagina ufficiale. Sfrutta l’algoritmo di Facebook che premia in visibilità l’aggiornamento dei Profili rispetto alle Pagine. Le persone adorano che tu le permetta di entrare nella tua vita ma usa questi accorgimenti:

  • STRATEGIA – Prepara una strategia di comunicazione anche per il Profilo. Il pubblico sarà lo stesso della Pagina ma lo scopo sarà diverso, seppure complementare
  • ABOUT YOU – Scegli cosa vuoi far sapere di te tra tutte le informazioni che possono essere funzionali a creare una community affezionata. In concreto: niente lagne, non mostrarti sempre perfetta (non siamo su Instagram: sappiamo che non lo sei e reggere il peso di un personaggio non reale è impegnativo), sii “socialmente” autentica
  • IMMAGINI – Aggiorna la foto di Profilo se ti incontro per strada devo riconoscerti
  • CONTENUTI – Non duplicare i contenuti tra Pagina e Profilo. Non condividere tutto in maniera speculare: è fastidioso! Se proprio vuoi pubblicare lo stesso contenuto su entrambi i canali, per esempio un post del blog, non scrivere anche lo stesso identico testo a corredo
  • SEGUI – Attiva il bottone “Segui” perchè il Profilo continua a avere un numero massimo di 5000 “Amici” (e io ti auguro di arrivare a porti il problema)
  • NOMI E SOPRANNOMI – Aggiungi un soprannome. Ho avuto per anni un blog che si chiamava Filoagogò e per un po’il mio Profilo personale ha riportato la dicitura: Cristiana Stradella, quella di Filoagogò. Ho aggiunto semplicemente un ‘soprannome’ al nome di Profilo et voilà! Questo piccolo stratagemma mi ha aiutata ad associare facilmente il mio nome a quello del mio brand aiutando le persone a capire chi ero e di cosa mi occupavo.

Come aggiungere un soprannome al nome di Profilo su Facebook

Se vuoi aggiungere un soprannome (ma le opzioni sono tantissime)

  • Dal tuo Profilo seleziona “Modifica profilo”
  • In fondo alla pagina che ti si apre, scegli “Modifica le informazioni della sezione informazioni”
  • Nel menu in spalla sinistra di pagina cerca la voce: “Dettagli su di te”.

Se il tuo brand è anche il tuo nome e cognome, il soprannome può aiutarti per esempio a far distinguere nella ricerca di Facebook la tua Pagina dal tuo Profilo aiutando i potenziali “Amici” a diventare invece nuovi “Like” di Pagina.

Pagina pubblica

In un post precedente ti avevo dato un buon numero di dritte per ottenere il massimo dalla tua Pagina Facebook. In questo post vorrei concentrarmi sugli aspetti meno strategici e più pratici.

A cosa serve una Pagina

L’obiettivo di Facebook è sempre stato “Connetterti e rimanere in contatto con le persone della tua vita”. Le Pagine sono nate molto dopo i Profili perchè le persone hanno cominciato ad allargare le loro cerchie, volendo connettersi e rimanere in contatto per esempio con sportivi, attori, cantanti,… rendendo il Profilo non più adeguato all’uso.

La scelta del nome di Pagina

Far capire cosa fai dovrebbe essere l’obiettivo di un nome di Pagina scelto bene. Non deve essere necessariamente il nome del tuo brand anche se deve contenerlo. Almeno se il tuo brand non è il tuo nome e cognome.

  • Se le persone ti conoscono con nome e cognome, aiutale a associarti al tuo brand. Per esempio: Filoagogò di Cristiana Stradella oppure Filoagogò il blog di Cristiana Stradella
  • Se le persone non associano il nome del tuo brand alla tua professione, aiutale a far capire di cosa ti occupi. Mi uso sempre come esempio: Filoagogò, cucito creativo 
  • Se la tua impresa è locale e questa informazione è importante, aggiungi il nome della tua città al nome di Pagina: Filoagogò cucito creativo Milano.

Cosa pubblicare

Quando devi riempire le “caselline” del tuo piano editoriale con del contenuto, pensa sempre che le persone continuano a usare Facebook per rimanere in contatto con altre persone e con i brand, che poi altro non sono che persone dietro a un marchio. Prima di pubblicare un contenuto:

  1. INTERESSI – Chiediti sempre cosa interessa alle persone che ti seguono e perchè dovrebbero essere interessate a quel tuo contenuto specifico
  2. BISOGNI – Valorizza i bisogni che quel contenuto colma. Per esempio se vendi lezioni di ballo, il tuo pubblico potenziale potrebbe essere preoccupato che ballare sia difficile, che non sia un’attività adatta, che sia costosa, che le lezioni siano in orari incompatibili con la loro vita. Rispondi a queste informazioni nei tuoi post o ti riduci a scrivere “Nuovo corso di tip-tap il giovedì” sperando di riempire automaticamente la tua classe?
  3. COINVOLGIMENTO – Coinvolgi le persone in quello che posti. Succede se sei stata brava a delineare le Personas ovvero a immaginare in maniera verosimile le persone a cui vuoi parlare, quelle a cui vuoi vendere i tuoi prodotti e servizi.
    • Queste persone che bisogni espressi o inespressi hanno?
    • Perché dovrebbero comprare il tuo prodotto o il tuo servizio?
    • Quali sono le caratteristiche che rendono il tuo prodotto unico? I materiali? La tecnica di lavorazione? Il tuo aver mixato tecniche diverse? La tua esperienza?
    • Quali sono i plus dei tuoi servizi? Tu e la tua professionalità? I successi ottenuti? La concretezza? La cura?
  4. GO LIVE – Verifica SEMPRE che il contenuto dei post sia completo. Se parli di un servizio o di un prodotto, per esempio, il link alla scheda di dettaglio sul tuo sito NON DEVE MAI MANCARE. Non dimenticarti mai di inserire una call to action, un’azione che le persone che hanno letto il post devono fare. Per esempio leggere il tuo nuovo post del blog, iscriversi alla newsletter, vedere il tuo nuovo catalogo, …

Quando pubblicare

Se stai cominciando una Pagina da zero

E hai fatto una buona analisi del tuo pubblico potenziale, parti da queste informazioni per scegliere l’orario e il giorno più adatto per pubblicare un nuovo post. Non ci sono regole auree, non esistono il giorno migliore o l’ora più favorevole. Esiste il tuo pubblico acquisito e potenziale e quando è presumibilmente online. Se non sei convinta, fai alcune prove di orari e giorni

Se hai già una Pagina avviata

Analizza i dati di Insights per capire quando i tuoi post hanno maggiore riscontro

Usa il buon senso

Se vendi esperienze di viaggio o tour durante il week – end, se pubblichi il post con le tue nuove mete oltre la metà della settimana, probabilmente il tuo pubblico avrà già deciso cosa fare (ai last minute dedica invece una newsletter).

Condividi con cura

Condividere o non condividere i post altrui non dovrebbe essere un dilemma. La condivisione di post di altre persone (Pagine e Profili) dipende – come tutto del resto! – dalla tua strategia.

Per scelte di posizionamento strategico potresti decidere di non condividere post di terze parti come anche di non prendere posizione su nessun argomento specifico. Condividere però può essere anche un’opportunità anche per fare digital PR:

  • Associa il tuo marchio a una serie di altri con caratteristiche comuni, valori condivisi o che operano nella stessa zona
  • Condividi post di servizio utili (zone interdette al traffico per una fiera specifica, previsioni meteo favorevoli per invitare le persone a venirti a trovare a questo o quell’evento all’aperto, …)
  • Fornisci al tuo pubblico spunti interessanti su argomenti specifici che hai deciso di non presidiare
  • Fatti notare da altri marchi o persone con cui vorresti collaborare.

Se scegli di condividere contenuti altrui, fai una lista di fonti (aka Pagine e Profili) da seguire e da tenere d’occhio. Sul tuo Profilo puoi creare delle Liste, sono utilissime! Scegli sempre fonti più che attendibili e fidati (moto poco) di quello che condividono le altre persone (anche gli amici!) se sono informazioni non referenziate.

  1. Scrivi sempre un testo originale a corredo del contenuto che stai condividendo. Esprimi la tua opinione, dai il tuo punto di vista, scrivi il motivo per cui stai condividendo quel determinato contenuto sui tuoi canali
  2. Tagga chi serve senza esagerare. Per esempio i Profili di colleghe con le quali condividi le medesime opinioni o a cui vuoi segnalare un determinato contenuto, se sai che possono apprezzare il gesto.

Cristiana Stradella

Mi chiamo Cristiana Stradella, vivo di passioni e social media marketing. Aiuto liberi professionisti e imprese di talento a raccontare e valorizzare online quello che li rende unici e speciali.

Sito | Facebook | Instagram | LinkedIn

Lascia un commento