Il primo business che devi imparare a gestire è la tua famiglia

Business sta a X come Famiglia sta a 100

Sei una C+B? Allora lo sai già perchè è un’equazione che non lascia dubbi: per poterti dedicare ai progetti imprenditoriali hai bisogno di una vera e propria strategia familiare. Quello che è il tuo business più importante. Se funziona la famiglia, si incastrano gli umori e le preferenze, vige un po’ di benessere e complicità con marito e figli allora tutto si fa più semplice.

Ti capiterà che il marito esca un po’ prima dall’ufficio per portare i bambini al parco e lasciarti lavorare in pace fino all’ora di cena, presentandosi con le pizze, perchè il tuo lavoro VALE.

Capiterà che i tuoi figli ti aspetteranno qualche minuto fuori da scuola senza lamentarsi perchè sei in ritardo, perchè sanno bene che mamma è impegnata nel suo progetto imprenditoriale e ha bisogno di TEMPO.

Insomma, per far quadrare i conti tra Casa e Bottega occorre preparare il terreno perchè tutto ciò si possa realizzare: mettere in atto una content strategy familiare. Da tempo mi occupo di dare dritte e consigli a genitori che annaspano, perchè per mancanza di tempo hanno lasciato che si creassero dei circoli viziosi nella gestione familiare che sono andati solo peggiorando. Capricci, schiamazzi quotidiani, pessime abitudini, momenti di panico in cui tutti alzano la voce e una sola tremenda certezza: domani sarà lo stesso.

Una pianificazione in tre fasi:

  • content strategy (pensare alle priorità della nostra famiglia, ai contenuti che vogliamo veicolare, ai valori su cui non possiamo soprassedere e alle buone abitudini, tradizioni, gentilezze che vogliamo diventino la norma in casa)
  • communication e social strategy (scovare il modo migliore per insegnarle ai nostri figli e mariti e assicurarci che vengano recepite nel migliore dei modi, ad esempio: senza che sia una costrizione, essendoci assicurati che siano scelte condivise e apprezzate, ecc..)
  • win win application (trovare e applicare un sistema win win, ovvero dove tutti ci guadagnano. Sia i genitori che hanno bisogno di un tempo per loro e per coltivare i loro interessi o i loro business e sia che i figli abbiano sempre qualcosa da prendere nella loro tasca dall’affettività, ovvero non si sentano soli, trascurati, abbandonati da genitori troppo presi dalla loro vita)

Obiettivo ambizioso? Seguitemi, siamo solo al primo passo.

Sabrina D'Orsi

Ho 3 figli maschi, sono torinese ma vivo a Roma. Per lavoro aiuto le aziende a sviluppare strategie di comunicazione online e contenuti innovativi per il web. Ma la mia vera passione è l'educazione e le pedagogie alternative.

Sito | Facebook | Twitter | Instagram | LinkedIn

2 commenti su “Il primo business che devi imparare a gestire è la tua famiglia”

  1. il post giusto in un venerdì nero: bimba rifiutata al nido, avvicinamento con la tata che la terrà per i prossimi mesi (nella speranza che a settembre un nido ci sia!) che procede tra i pianti, rientro dalla maternità a brevissimo…la famiglia è proprio il centro della nostra vita e merita tutto il valore che vorremo e sapremo darle!

  2. Hai proprio ragione Sabrina,condivido che la serenità famigliare ti fa fare molte cose nel migliore dei modi.
    Attendo altre tue dritte sulla gestione casa-bottega.
    Mary

I commenti sono chiusi.